Storie

Arrampicata e yoga in Costa d’Amalfi: le attività del pioniere veneto

Veneziano di nascita, costaiolo d’elezione, Cristiano Bacci ci racconta come l’arrampicata e lo yoga abbiano dato un volto diverso alla sua vita e a quello della Costa D’Amalfi

Di Antonella Florio

«Vivere nella Selva è come vivere in una barca a vela. Ogni giorno porta con sé piccole ma innumerevoli sfide che devi risolvere da solo». È così che Cristiano Bacci, classe ’67, esordisce per parlarci delle giornate trascorse a casa. Una casa che è anche luogo di lavoro, ispirazione, natura ma soprattutto stile di vita. Ci troviamo a Montepertuso, piccola frazione di Positano, borghetto che sorge a 350 metri sul livello del mare. Cristiano si sveglia presto, in sintonia con gli orari della natura. Dopo l’immancabile pratica di yoga, inizia a lavorare dove la necessità chiama: oggi si prende cura dell’orto, domani attrezza le vie di arrampicata e pota gli alberi, poi va a far visita alle api; tra un ritaglio di tempo e l’altro si dedica alla messa in sicurezza di un muretto a secco e aggiusta anche un rubinetto difettoso. Mentre si racconta, il suo accento lo tradisce. La parlata è nordica.

Il trasferimento in Costa D’Amalfi

Cristiano e Marta, la sua compagna, da Venezia arrivano a Montepertuso nel 2000 con il loro furgone giramondo. All’epoca Marta lavorava come ballerina di danza contemporanea in diversi teatri a Venezia e in Europa. Cristiano, invece, dopo una Laurea in Giurisprudenza era diventato Agente Immobiliare con una forte passione per l’arrampicata. Ed è proprio questa passione a condurlo in Costiera. Con alcuni amici attrezza un primo itinerario ed è subito amore. «La costiera era per noi uno straordinario compromesso tra il mare, la roccia adatta all’arrampicata e la natura rigogliosa. Con Marta già da tempo parlavamo di trasferirci, volevamo vivere in campagna, nel sud Italia, sia per il clima che per la gente. La Selva di Montepertuso era il luogo che stavamo cercando».

La Selva come stile di vita

Rind a Selva (dentro alla Selva, ndr), così la gente del posto chiamava all’epoca quel luogo incontaminato e impenetrabile. «Nel 2002 la Selva era ancora un rudere, una stalla abitata solo da animali. Non sapevamo a cosa andavamo incontro: il duro lavoro, il sudore, la fatica necessari ad “addomesticare” quello spazio impervio e selvaggio li abbiamo appresi e sperimentati solo col tempo». Oggi la Selva è un luogo magico, isolato e raggiungibile solo a piedi, uno spazio antropizzato in virtuoso equilibrio tra natura e cultura. «La nostra famiglia col tempo si è allargata: abbiamo due figli, Bianca, 19 anni, attualmente studentessa in Scienze Politiche presso l’Università di Padova e Jacopo, 11 anni. Poi ci sono gli animali, anche loro membri della famiglia dei “Selvatici”. Abbiamo 5 cani, 4 gatti, 2 asine, tante galline. Tutti gli animali che abbiamo sono femmine».

400 itinerari di arrampicata

Ci sono voluti anni e sudore per attrezzare le vie di arrampicata in Costiera Amalfitana. Dal 2005 al 2006 Cristiano e i suoi amici scalatori veneti e piemontesi si dedicano solo ed esclusivamente a rendere fruibili nuovi percorsi. Dopo alcuni anni Cristiano incontra Francesco Galasso, un giovane pieno di energia e voglia di imparare. Insieme a lui scopre e mette in luce nuove vie praticabili in Costiera: «Francesco è un amico con una passione infinita per l’arrampicata e negli anni è cresciuto tantissimo. Oggi Francesco dirige @Direzione Verticale, un’Associazione dedicata alle scalate, all’escursionismo e in generale alla wild-life in Costiera Amalfitana e Sorrentina.». Dei 400 itinerari attrezzati da Cristiano ce ne sono alcuni che hanno più valore di altri. «Ogni via per me è unica, ognuna racconta una storia: alcune sono dedicate ad amici, altre sono legate a eventi. Due, però, sono quelle a cui tengo di più: la prima è BLU l’itinerario multipitch (più lunghezze, ndr) di Punta Campanella. Credo che sia uno dei posti più magici della Costiera. Noto già a Greci e Romani come Capo Ateneo, Punta Campanella per me somiglia alla prua di una nave», continua Cristiano con le metafore nautiche. «L’itinerario parte dal mare e arriva nel punto più alto della falesia. Ti arrampichi direttamente sullo sfondo blu del mare, aggrappato a una meravigliosa roccia bianca, in uno dei posti più selvaggi della Costa D’Amalfi.» Il secondo luogo del cuore, invece, è il Sentiero degli Dèi. «Quello del Sentiero degli Dèi è l’ultimo settore che abbiamo creato. Credo che sia il più bello della Costiera Amalfitana sia per la qualità della roccia che per il panorama mozzafiato. Vengono da ogni parte del mondo a scalare le nostre rocce».

Cristiano Bacci durante l’esecuzione di una postura di yoga, courtesy of La Selva Positano Cosmetici Naturali

Le fondameta dello yoga in Costiera Amalfitana

Pare che Cristiano abbia una predilezione spiccata per le pratiche mente-corpo. Forse da qui nasce l’altra sua grande passione: lo Yoga. E anche in questo si fa pioniere in Costiera Amalfitana. «Nel 2006 abbiamo ospitato alla Selva, dopo un viaggio in India, un corso di formazione insegnanti con Walter Tirak Ruta della scuola Pramiti di Ventimiglia e discepolo di Satchidananda Yogi lo Yogi Silente di Madras. Da quel momento in poi, lo Yoga è diventato una delle attività principali della Selva. Molte collaborazioni con insegnanti stranieri si sono susseguite e la Selva è diventata negli anni un punto di riferimento mondiale per i praticanti di questa disciplina». Intanto anche Marta, la compagna di Cristiano, si lascia ispirare da odori, sapori e profumi della macchia Mediterranea e crea la linea di cosmetici naturali aromaterapici @La Selva Positano. Si tratta di una linea di cosmetici a forte connotazione territoriale: unguenti, saponi, oli essenziali a base di mirto, rosmarino e agrumi che agiscono sia sul piano fisico che su quello sottile/emozionale.

Chi è Cristiano oggi

Alto e longilineo, con un incedere calmo e uno sguardo profondo, il Cristiano di oggi ci appare in armonia con se stesso e con la natura. «Vivere nella Selva ha significato per me uscire dalla catena meccanica. Forse la difficoltà più grande consiste nel vivere in sinergia con la natura senza diventarne schiavi. Per questo con la mia famiglia tendo a spostarmi spesso, abbiamo fatto e facciamo molti viaggi in India, in Africa e in Europa. Quando possiamo anche in camper». Sia lo Yoga che l’arrampicata che la Selva, insomma, hanno contribuito a dare completezza al Cristiano di oggi. «Lo Yoga in particolare non è solo una buona pratica del mattino ma un vero e proprio stile di vita. Per quanto riguarda la Selva posso dirmi contento della scelta fatta 20 anni fa. Questo luogo, insieme alle pratiche di meditazione e respirazione dello Yoga, mi accompagna quotidianamente nella ricerca di un diverso livello di coscienza e nel miglioramento di me stesso».

 

Informazioni utili:

La Selva Positano Cosmetici Naturali: lezioni di yoga e acquisto di prodotti di bellezza, laselvacosmetici.com, tel. 348.7239692 Direzione Verticale: arrampicata, direzioneverticale.it, info@direzioneverticale.it, tel. 338.7279878

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu