Storie

Casa Scala: I mastri liutai della Costa D’Amalfi

L’artigianato millenario rivive a Praiano. Nella bottega di Pasquale e Leonardo dove da cinquant’anni vengono prodotti strumenti musicali antichi

Di Anna Volpicelli

Chitarre appese sui muri, sagome di strumenti distesi su un bancone pieno di attrezzi, una parete colma di cd, corde musicali, disegni di antichi modelli recuperati in musei. Siamo a Praiano, nella bottega di Pasquale e Leonardo Scala, padre e figlio, che di mestiere hanno scelto un’arte ormai in via di estensione, quella del liutaio.

Un brand esportato in tutto il mondo

«Mio padre – racconta Pasquale Scala, 76 anni che da giovane suonava e cantava in un gruppo di canzoni popolari  – faceva i mobili. Finito il militare ho cominciato ad aiutarlo in bottega. Un giorno mi venne in mente di fare una chitarra. La feci vedere ad un amico che insegna al Conservatorio di musica di Napoli e ne rimase colpito. Da allora, a poco a poco, ho iniziato a realizzare strumenti musicali antichi». Sono circa cinquant’anni che ogni mattina Pasquale scende nella sua bottega per lavorare a chitarre battenti e classiche, mandolini, «facciamo più di 40 strumenti diversi che abbiamo venduto, su ordinazione o a turisti che passavano di qui, in tutto il mondo. Sud Africa, Canada, Stati Uniti, Francia. Molti dei nostri clienti sono musicisti, altri collezionisti».

Pasquale Scala mentre lavora a una chitarra battente, courtesy of Liuteria Scala

Di generazione in generazione

Sul bancone accanto alla porta d’ingresso i liutai stanno ultimando una ghironda, uno strumento musicale a corde di origine medioevale. Un pezzo unico, come tutti i modelli qui presenti, che un collezionista del nord Europa ha chiesto loro di realizzare. «E’ uno degli strumenti più complessi e impegnativi che abbiamo realizzato. Ci stiamo lavorando circa da quattro mesi e abbiamo quasi finito», spiega Leonardo, 38 anni, che sin da piccolo affianca suo padre in bottega. «Dopo la scuola venivo qui per aiutare mio padre. Ero molto bravo per le cose piccole, per tutte le rifiniture che dovevano essere svolte all’interno degli strumenti che richiedono mani come le mie per eseguirli. E’ un mestiere che mi ha sempre appassionato. Mi è sempre piaciuto lavorare il legno e dire quando è diventato un lavoro a tempo pieno è difficile. Il confine è così labile».

Dedizione, pazienza e studio

Ogni pezzo porta con sé una lunga ricerca sia di materiali, come il legno per esempio, sia in termini di studio. «Noi abbiamo un’infinita quantità di libri antichi sugli strumenti e disegni di progetti che abbiamo trovato presso musei. Molti strumenti non esistono più oggi, come alcuni tipi di ghironda che li trovi scolpiti sulla roccia, su affreschi o su dipinti», dice Leonardo. E mentre lui spiega il lavoro di dedizione, pazienza e precisione che si cela dietro a ogni esemplare, Pasquale tira fuori una chitarra che era una copia della famiglia di Benedetto Croce,   filosofo, storico, politico critico letterario e scrittore italiano. «Ci hanno portato un originale e noi ne abbiamo fatto una copia con piccoli accorgimenti», spiega il signor Scala. 

La minuziosità dei dettagli, courtesy of Liuteria Scala

L’evoluzione moderna

Essendo la liuteria un’arte antica risalente al XVI-XVIII secolo, non ha subito grandi mutamenti dall’epoca classica, se non nella scelta dei materiali e della tecnologia artigianale per mano di maestri contemporanei. «La liuteria antica – racconta Leonardo – era un’arte stupenda ma anche molto fragile nella sua struttura. Noi abbiamo cercato di renderla più solida potenziando i meccanismi interni. La chitarra battenti, tipica della Costa D’Amalfi, per esempio, che è ha una forma bombata, in passato al suo interno veniva messa della carta, che ovviamente non aveva lunga durata. Noi l’abbiamo sostituita con del lino grezzo che poi imbevuto con la colla diventa come una fibra di carbonio che non si strappa e ne mantiene la leggerezza ». 

Una sfida costante

Oltre alla progettazione e alla creazione, buona parte del lavoro viene dedicato anche al restauro. «Per noi ogni progetto è una sfida. Non creiamo strumenti in serie, ma solo ed esclusivamente pezzi unici. Ed è questo che amiamo fare, è la nostra passione, il nostro lavoro», dice Leonardo mostrando la sua prima chitarra elettrica. «Ho cominciato a fare questo tipo di chitarra per sperimentare. Finita l’ho messa sul nostro sito internet e due musicisti l’hanno vista e mi hanno chiesto di realizzarne una per ciascuno». 

Leornado Scala nella sua bottega, courtesy of Liuteria Scala

Non solo musica

La minuziosità nei dettagli non si traduce solo nella realizzazione di intarsi, rifiniture o composizione di interi progetti musicali, ma anche nella creazione di coltelli. «Entrambi abbiamo un hobby quello del design di coltelli antichi. Abbiamo fatto copie di modelli del Regno delle due Sicilia, giapponesi», dice Leonardo. Un passatempo che si è trasformato in un lavoro poiché molti collezionisti li richiedono. «L’anno scorso sono stato a Livorno alla Fortezza Vecchia per partecipare a un concorso di coltelleria. Ho vinto il primo premio nella sezione di coltelli a lama fissa», racconta il giovane.  Un’arte quella della famiglia Scala che ripercorre gesti antichi in perfetta armonia con le vibrazioni del nostro tempo. 

Informazioni utili:

Liuteria Scala: Via Umberto I, 68, Praiano (SA), tel. +39.089.87.48.94, email: info@liuteriascala.com, liuteriascala.com

 

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu