Sport e Natura

Fra mito e natura: il Fiordo di Furore da Praiano

Il 24 settembre il nuovo itinerario escursionistico Authentic Amalfi Coast

Di Anna Volpicelli, foto di Michele Inserra

La storia di figure iconiche e narrazioni mitologiche si fondono con paesaggi naturali. Qui dove racconti di amore, astrologia e tentazioni regnano nelle leggende proprie del folclore della Costiera Amalfitana si apre un sentiero che passo dopo passo ripercorre e riporta in vita una lunga tradizione orale, tipica dei cantastorie popolari.

Il percorso

Il Fiordo di Furore da Praiano è il nuovo itinerario escursionistico firmato Authentic Amalfi Coast e realizzato con la collaborazione di guide esperte di Cartotrekking. Una passeggiata a mezza costa che si apre al tipico paesaggio della zona dove il blu del mare, il verde della natura e il grigio-sabbia della roccia si fondono in perfetta armonia.

 

 

La partenza

Il 24 settembre si parte da Praiano per addentrarsi nel sentiero delle Agavi in Fiore, un percorso che si snoda lungo il Vallone della Praia, caratterizzato dagli elementi tipici della macchia mediterranea governata dall’Agave, pianta tropicale, che anima il paesaggio e da cui il sentiero prende il nome. Ma non è l’unico esemplare a dipingere lo scenario: rosmarino, mirto, erica e ampelodesma riempiono il sentiero con la loro tavolozza di colori.  Da questo punto la visione diventa più nitida: lo sguardo infatti si riempie contemplando dall’alto la forra che dà origine alla Marina di Praia.

 

Barbanera e l’elogio all’amore

Proseguendo per la passeggiata si attraversa la leggenda, ci si addentra infatti nelle vie di Barbanera, donna che negli anni ’50 era conosciuta per le sue impeccabili doti di meteorologia ed astrologia. La leggenda narra che la sua casa sia ancora collocata in questi luoghi. Superato questo tratto si giunge a uno dei sentieri più romantici della Costa d’Amalfi, quello dell’amore. Il suo inizio è segnato da una statua in bronzo che raffigura due innamorati e il richiamo alla passione continua lungo tutto questo tratto: maioliche incise con frasi sull’amore, sulla vita, invitano alla riflessione. Da qui si intraprende un’antica scalinata che conduce fino al Fiordo di Furore.

 

Museo a cielo aperto

E’ il sentiero della Volpe Pescatrice. Il suo nome trae origine da un’antica leggenda. Si narra, infatti, che una volpe sapendo ogni giorno l’ora in cui i pescatori facevano ritorno al Fiordo, si aggirava con aria funesta e vigile pronta a catturare qualche pesce abbandonato sulla riva. Il paesaggio, ovviamente, è uno di quelli che più ha ispirato il cinema italiano: basti ricordare il celebre film Amore di Roberto Rossellini con Anna Magnani. Costituito da una profonda spaccatura nella roccia e attraversato dal torrente Schiato, che scivola dall’altopiano di Agerola, il Fiordo è oggi considerato uno dei più incantevoli uno dei  musei naturali a cielo aperto, che ha contribuito a inserire Furore nella classifica dei Borghi più belli d’Italia.

 

Informazioni Utili

Lunghezza: 3,5 Km

Durata: 3 ore

Dislivello: +150 / – 300 metri

Difficoltà: T – Facile

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu