Sapori locali

Il sapore del limone in uno spritz

È così che nasce, nel ’97, dalle mani di Andrea Rispoli l’aperitivo ispirato alle calde giornate estive della Costa d’Amalfi: da un atto di serendipità, una trovata fortunata e casuale.

Di Antonella Florio

Andrea Rispoli, classe ’68, amalfitano, nel 1997 si unisce al coro degli alfieri dell’oro giallo della Costa d’Amalfi creando il primo Spritz al limone. Un tripudio di note dolci-amare, una miscela ispirata alle calde giornate estive.

L’apprendistato al Saraceno e l’incontro con Atrani

Prima di comprare, insieme al fratello, il bar La Risacca ad Atrani, Andrea impara il mestiere facendo una lunga gavetta. Dall’89 al ’92 vive l’esperienza per lui più significativa. All’Hotel Saraceno, noto albergo di lusso della Costiera Amalfitana, conosce Giuseppe Cimmino, barman dal temperamento brillante che gli insegna a usare i “ferri” del mestiere. Andrea apprende da Cimmino a dosare, miscelare, unire passione, tecnica e talento. Mentre parla del suo Maestro, gli occhi gli si riempiono di emozione e gratitudine. L’incontro con Atrani avviene pressappoco negli stessi anni. «Sebbene Atrani, il comune più piccolo d’Italia, sorgesse a soli 500 metri da Amalfi, prima del 1990 la frequentavo veramente poco. Pian piano ho iniziato ad innamorarmi di quella piazzetta, Piazza Umberto I, e a pensare a quell’angolo di mondo incastonato tra roccia cielo e mare come a una mia seconda casa». Nel 1990 decide di comprare una tabaccheria nella piazzetta Umberto I ed è lì che inizia la sua avventura atranese, fatta di musica, amici e, ovviamente, drink. Già nella tabaccheria, Andrea allestisce un piccolo angolo bar: gli amici arrivano, fumano una sigaretta, bevono un cocktail preparato ad arte da questo bizzarro tabaccaio-barman e magari si intrattengono per l’intera serata a suon di chitarra. Tutto sembra, insomma, tranne che una prosaica tabaccheria di paese. Nel ’95 il bar La Risacca – che si trovava proprio di fronte alla tabaccheria – viene messo in vendita. «Era un bar per pochi intimi. Mi piaceva per questo. Chiesi a mio fratello se fosse interessato a vendere la tabaccheria e ad acquistare il bar; lo prendemmo insieme. Decisi di lasciare il nome La Risacca per due motivi. La Risacca del mare è il luogo dove l’onda ritorna sempre. Volevo che anche i frequentatori del mio bar provassero qualcosa di simile. E poi perché il nome rimandava simpaticamente alla resaca del giorno dopo, qualcosa che i non astemi conoscono molto bene».  

Un luogo di ritrovo

La piazzetta di Atrani, già negli anni ’90, si presenta come un corpo unico, un’unica famiglia: tutte le realtà imprenditoriali sono tra loro connesse e la Risacca è, fin da subito, uno dei luoghi di ritrovo più amati. Gli ingredienti segreti? Buona musica dal vivo, jam sessions a cui prendono parte i migliori musicisti della zona e non, allegria e semplicità. «Ad Atrani venivano turisti da tutte le parti del mondo. Avevo la fortuna di confrontarmi con loro sulle mode e le tendenze in voga nei loro Paesi. Cercavo di importare nel mio piccolo bar ciò che mi incuriosiva di più, dalla musica, al cibo ai drink. Provai a proporre la Risacca prima come wine bar e poi come bistrot, concepts che, negli anni ’90, erano conosciuti solo all’estero». Nel frattempo la passione di Andrea per l’arte di miscelare, shakerare e creare cocktails cresce sempre di più. Il bar, già dalla prima apertura, ha una vasta selezione di rum, whisky e distillati. «Il limone era uno dei miei ingredienti preferiti. Lo usavo anche al posto del lime. Mi piaceva, ad esempio, usarlo nel mojito. Lo trovavo un modo interessante di reinventare la tradizione. E poi il lime, all’epoca, costava troppo».

Foto di Lukas, courtesy of Pexels.com

Dall’africano al Lemon spritz: un drink nato per caso

Siamo nel 1997, Atrani è una realtà in forte crescita. Le estati sono calde e lunghe, i bagnanti durante la canicola si rifugiano nell’accogliente piazzetta Umberto I per trovare un po’ di ristoro. Si siedono alla Risacca chiedendo bibite dissetanti e Andrea li accontenta offrendo loro una bevanda a base di granita al limone e acqua gassata. «L’avevo chiamata Africano. Un giorno un mio cliente mi chiese di correggerlo con dell’alcol e fu così che, con l’aggiunta di prosecco, nacque il primo Lemon Spritz». Con il tempo Andrea affina sempre più questo nuovo aperitivo nato per caso, lavora alla base di limone della granita e migliora anche la parte alcolica: oltre al prosecco, nel suo Lemon Spritz si sentono note di vodka e limoncello. «In quegli anni l’Aperol spritz era già una bevanda molto amata, soprattutto dagli italiani. Ma dopo aver assaggiato la variante al limone, i miei clienti, dell’Aperol, non volevano più saperne. Turisti e residenti venivano alla Risacca per bere solo Lemon Spritz».

La carriera da musicista

Andrea è uomo dalle mille risorse. Nel 2014, dopo 4 anni dalla tragica alluvione di Atrani, decide di dedicarsi interamente alla carriera da musicista, attività che lo appassiona fin dai tempi della tabaccheria. «Nella mia vita ho sempre suonato, imparando prima la batteria e poi il basso elettrico da autodidatta. Ho avuto anche la fortuna di condividere questa passione con molti amici, prima in tabaccheria e poi alla Risacca con i concerti all’aperto e le jam sessions». Di tutti i gruppi avuti e avvicendatisi nel tempo, Andrea ne ricorda uno con particolare affetto: il Gatto e la Volpe. «Carmine Cavaliere suonava la tastiera mentre io facevo la parte ritmica suonando il basso. Ci siamo divertiti. Ad oggi il Gatto e la Volpe esiste ancora, anche se è una attività che porto avanti da solo come cantante e percussionista. Al momento, però, non ho molto lavoro. Speriamo di poter tornare presto alla normalità». Il suo sogno nel cassetto però è sempre legato all’esperienza avuta a La Risacca. «Se mai dovessi averne l’occasione, sarei felice di riaprire un piccolo bar e riprendere a fare Lemon Spritz».

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu