I saggi

La Costa Nascosta

I Siti rupestri: prime forme d’insediamento in Costa d’Amalfi
Di Raffaele Ferraioli

L’eremo di  Santa Barbara a Furore

Venivano chiamate  le Sante venute dal mare e il loro culto era molto sentito e intensamente praticato a Furore: Santa Caterina d’Alessandria, patrona dei mugnai, venerata nella Cappella rupestre a lei dedicata nel Fiordo; Santa Margherita d’Antiochia, protettrice delle donne partorienti, effigiata negli affreschi della Chiesa di San Giacomo; Santa Barbara di Nicomedia, la vergine guerriera, protettrice dei  minatori, dei fuochisti, alla quale fu dedicato l’eremo sito nella zona occidentale di Furore che prese il suo nome.

L’ arrampicata attraverso i ruderi

Vi si arriva partendo da Poggio le Marelle lungo il Sentiero dei Nidi di Corvo, passando per Centena, Sant’Alfonso oppure da Pizzocorvo. I due tronchi di mulattiera si uniscono poco prima della meta e proseguono per alcune centinaia di metri fino ad una ripida scalinata, al vertice della quale spicca una piccola edicola contenente due mattonelle maiolicate che riportano Santa Barbara e la Madonna di Pompei, databili l’una all’Ottocento e l’altra al Novecento.  Da lì inizia l’arrampicata attraverso i ruderi di un’ardita scalinata, aggrappata al costone roccioso, in più parti crollata. L’insediamento, costituito fondamentalmente da alcune cavità naturali e da una chiesa ormai ridotta a rudere, è posto, come riferisce lo storico Matteo Camera, sulle alpestri vette di Furore. Si compone di caverne di svariate dimensioni, sottoposte all’altopiano Corona di Agerola e affaccia sulla vallata della Praia, percorsa dal torrente Pennino.

La protezione dal fuoco

La grotta principale, posta a circa 600 m.s.l.m., risale all’anno mille e ospitava in principio un insediamento eremitico. La Chiesa, dedicata alla Santa che protegge dal fuoco giace in uno stato di degrado molto avanzato ed è suddivisa in una parte inferiore ed una superiore, con due cunicoli che mettono in comunicazione i due livelli interni. C ‘è chi dice che essa presenta tutte le caratteristiche di una cavità calcarea attraversata da grossi flussi idrici sotterranei. Ciò sarebbe confermato  dalla presenza a poca distanza  dall’ingresso di una piccola sorgente dove i Furoresi si recavano ad attingere acqua fino agli anni  50.

L’ingresso nascosto

Si ha, inoltre, notizia dell’esistenza di un vecchio ingresso dall’alto, dal pianoro di Agerola alla grotta superiore. Un nascondiglio perfetto, con una vera e propria via di fuga segreta, in caso di aggressioni dall’esterno. Tale accesso segreto venne poi ostruito dal Comune di Agerola per impedire l’accesso all’area sottostante,  nel periodo in cui essa fu  destinata alla sepoltura di morti per colera, vaiolo ed altre malattie infettive. All’epoca  del Brigantaggio queste caverne sono state un rifugio sicuro per le bande locali.

Le evoluzioni della chiesa

La chiesa di Santa Barbara, esterna alla grotta, è stata inclusa fra quelle riferibili al Ducato Amalfitano. Notizie assunte dai verbali delle visite pastorali degli arcivescovi di Amalfi riferiscono che:  nel 1715 era “custodita  da un eremita”; nell 1732 “aveva due altari, uno intitolato al Crocifisso e l’altro a Santa Barbara con sacrestia”; nel 1769 fu interdetta “bisognando di riparazione del tetto e nello stesso anno fu adibita a cimitero di colerici, “ mantenendo le funzioni funerarie fino all’unità d’Italia”; nel 1850 fu “espropriata alla  Curia e venduta  a un privato”, che nel 1887 concesse al Comune il diritto a continuarvi la pratica. I ruderi della Chiesa sono stati ormai inghiottiti dalla folta vegetazione. Restano ancora visibili nella navata centrale l’abside e l’altare in muratura, nonché uno sbiadito affresco effigiante la Madonna con bambino. Altrettanto leggibili sono le forme delle volte di copertura delle tre navate, sia pure del tutto crollate.

 Un universo rimosso

In questo luogo tutto è rovina, abbandono, oblio. Numerose e suggestive vicende aleggiano su queste rocce, tramandate oralmente nei cunti delle nonne. I ruderi di Santa Barbara si ergono, misteriosi e spettrali e recano il marchio indelebile dell’ignoto, continuando ad animare congetture, illusioni e tensioni. In questo luogo tutto è rovina, mistero, abbandono, oblìo. Ombre di asceti, di eremiti, ma anche di santi e di madonne, di briganti e di banditi sembrano rincorrersi in un’atmosfera arcana, mistica, tragica. Il silenzio è totale, opprimente. Questo mondo popolato di spettri somiglia a un universo rimosso e rinnova il ricordo sbiadito di un passato indecifrabile nel quale sprofondano le velleità della storia e affiora, leggera, la vaghezza dell’essere.

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu