Arte e Cultura

La vita dei romani al MAR di Positano

Distrutta durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C, il MAR testimonia oggi la ricchezza dell’aristocrazia antica presente in Costa D’Amalfi

Di Anna Volpicelli, foto di Vito Fusco

In Piazza Flavio Gioia a Positano, a pochi passi dalla spiaggia di Marina Grande, sotto l’oratorio della chiesa di Santa Maria Assunta, si trova il Museo Archeologico Romano- MAR. Ricavato da una antica Villa Romana risalente alla fine del I secolo a.C, la lussuosa residenza era probabilmente stata progettata come dimora dedicata all’ “otium”, (tempo libero), una sorta di casa vacanza dove la nobiltà del passato trascorreva del tempo per rigenerarsi e riposare. 

Cenni storici

La Villa, nascosta per secoli, fu seppellita sotto le ceneri e il fango della tragica eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. che colpì duramente la città di Pompei. L’eruzione fu cosi violenta che riuscì incredibilmente ad oltrepassare i Monti Lattari e a raggiungere la residenza romana. Ci sono voluti dieci anni di indagini, scavi e di duro lavoro da parte della SABAP di Salerno Avellino, del soprintendente Francesca Casule e del funzionario archeologa Silvia Pacifico, per rintracciare quello che un tempo era la vita, o parte della vita, dell’aristocrazia romana. I primi accenni della sfarzosità del passato si ritrovano negli scritti del 1758 di Karl Weber, architetto svizzero responsabile degli scavi per conto dei Borbone nelle città di Pompei, Ercolano e Stabia, il quale illustra la raffinatezza e la meraviglia degli affreschi. Il complesso di Positano, scrisse Weber nella sua relazione,  aveva un peristilio con un giardino centrale e una fontana. Lo stesso accademico Matteo della Corte, archeologo ed epigrafista italiano di fama mondiale, attribuì la villa a Posides Claudi Caesaris, un uomo potente che era stato liberato dall’imperatore Claudio, da cui Positano prenderebbe il nome.  Ci sono volute due campagne di scavo (2004/2006; 2015/2016), ancora in corso, per recuperare i tesori nascosti. 

I 69 sedili-colatoi presenti nella cripta superiore, foto di Vito Fusco, courtesy of MAR

Dai riti funebri alla vita quotidiana

Si accede al museo scendendo delle scale collocate sulla destra della piazza. Qui si apre la cripta superiore che accoglie teche contenenti alcuni reperti osteologici recuperati durante gli scavi. Poco più avanti una grande sala esibisce ben 69 sedili colatoi in muratura che, pare, venissero usati in epoca borbonica per essiccare il corpo dei defunti. L’ambiente adiacente conserva un susseguirsi di teche contengono suppellettili e oggetti vari che richiamano la vita quotidiana. Fra questi recipienti in bronzo, vasi in metallo che venivano utilizzati per preparare il cibo e servire le varie pietanze, attrezzi per il lavoro nei campi, e candelabri. 

La complessità degli affreschi

Cuore del museo è il triclinium situato a 11 cm al di sotto della cripta superiore. Qui una serie di affreschi di inizio IV stile decorano l’intero ambiente. La parte superiore conserva stucchi che raffigurano amorini, ippocampi, delfini. Portando lo sguardo un po’ più in basso si trovano delle immagini che illustrano narrazioni mitologiche fra cui Chirone che dà lezione ad Achille, Dioniso, una donna e un bambino. In basso, ultima parte dell’affresco, si trovano dipinti di Giunone, animali, fra cui i pavoni che è sempre stato un simbolo di ricchezza e di rinascita. Sul sito del MAR si legge che: “La maggior parte dei colori antichi era di origine minerale: i gialli, i rossi, i bruni, alcuni verdi, sono ottenuti per decantazione – e talvolta per calcinazione – di terre naturali. Altri sono di origine vegetale, come il rosa, il nero, ottenuto spesso dal nerofumo. Particolarmente costoso era il blu, conosciuto anche con il nome di blu egizio ottenuto dal riscaldamento di una miscela composta da silicato di rame, calcite e carbonato di sodio come fondente.”

Gli affreschi del trilicium, foto di Vito Fusco, courtesy of MAR

La cripta inferiore

A pochi passi dal museo, un’altra sala riporta in vita i resti di un ipogeo altomedioevale, costruita probabilmente poco prima del 12esimo secolo. Si trova a circa 5 metri sotto la chiesa madre. L’ambiente conserva alcuni sedili colatoi per l’essiccazione dei defunti. L’abside centrale è coperto da due volte a crociera e quello rettangolare da quattro volte a botte. All’interno ci sono anche elementi di spoglio, fra cui colonne tortile. L’intero museo è ancora oggetto di studio archeologico e di recupero che presto emergeranno alla superficie. 

Informazioni utili

Museo Archeologico Romano – MAR, Piazza Flavio Gioia, 7, Positano (SA), tel. 331.208.581, email: ticketoffice@marpositano.it, marpositano.it

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu