Arte e Cultura

Stregate dall’amore. La leggenda delle Janare di Conca Dei Marini

Figure magiche, dai poteri straordinari, sono parte del patrimonio popolare locale che per secoli si è tramandato oralmente di generazione in generazione.

Di Anna Volpicelli

La cultura popolare della Costa D’Amalfi è ricca di leggende che si sono tramandate nel tempo. Alcune di esse si sono perse e vivono nei ricordi di saggi anziani che hanno appreso dai loro genitori. Fra queste, ci sono le vicende delle janare, le donne-streghe che, in passato abitavano a Conca Dei Marini. 

La consacrazione

«Sono esistite, erano storie vere – racconta Rita Di Riso, una signora di 80 anni – mio padre le ha viste». Non ci sono documenti scritti a riguardo, ma la loro esistenza fa parte di una lunga trasmissione orale che oggi è diventata un patrimonio narrativo in possesso di poche persone. «Si diceva che durante la celebrazione del battesimo, se il prete sbagliava qualche parola – continua Di Riso – la bambina aveva qualche tratto da diavoletto o meglio da strega».

I poteri soprannaturali

Figura medioevale, il nome “Janara” (strega) è strettamente legata a Diana, la dea della caccia, protettrice della natura. La janara, infatti, era capace di incanalare il potere della dea. Come le definisce la professoressa Rita di Lieto nel suo racconto Travestite da streghe per avventure extra-coniugali, “le janare avevano facoltà straordinarie, soprannaturali, capaci di volare o di subire metamorfosi”. 

Foto di Cocoparisienne, courtesy of Pexels.com

Alla ricerca dei mariti

Tuttavia, sono molte le storie che circolano sul mistero di tali personaggi, a tratti mitici, ma tutte hanno un denominatore comune: non erano cattive o maligne, ma solo dispettose. Dietro ad ogni loro azione, infatti, c’era una questione d’amore. Conca dei Marini è sempre stato un borgo di pescatori dove gli uomini partivano con le loro imbarcazioni per lunghi viaggi, fino a raggiungere anche posti lontani. Si narra che le donne, lasciate sole, in pena d’amore, di notte volavano per raggiungere i loro sposi. Antonio Tajani, giornalista, scrisse che “tali donne si spalmavano il corpo con un unguento che le rendeva leggere come piume e cosi erano in grado di traslocare l’oceano per raggiungere i mariti e i fidanzati sui velieri diretti in America. «Dato che non ricevano lettere dai loro mariti – racconta Anna Anastasio, riportando i racconti della madre – volavano di notte e andavano da loro». 

Dolcetto o scherzetto

Romantiche e scherzose, quando si trattava di questioni di uomini, mettevano in atto le loro doti migliori. «Mio padre – ci dice Di Riso – mi raccontò che una notte un uomo di Conca dei Marini, amato da una delle janare, si ritrovò al Santuario dell’Avvocata. La strega nel sonno lo aveva trasportato lì per fargli un dispetto». Molti le temevano, altri invece avevano nei loro confronti un atteggiamento più positivo. «Si dice – precisa Anastasio – che se le conoscevi non ti facevano nulla, ma se non le conoscevi e non andavi loro molto a genio, potevi essere oggetto dei loro scherzi». Gli uomini, insomma, non avevano vita facile. «A Conca c’era un detto che circolava, ossia, che gli uomini potevano entrare ma non uscire. Se, quindi, un uomo di Conca sposava una donna di Amalfi, per esempio, erano guai», ci racconta ridendo Rita Di Riso. 

La fine…

Nei secoli la caccia alle janare non ebbe mai tregua. «Negli anni ’30 l’intervento della Chiesa fu determinate nella sparizione delle streghe. Da quel momento in poi, infatti, non si videro più in giro», spiega Di Riso. Che siano realmente esistite o meno, una cosa e’ certa, tali donne erano animate solo da un grande desiderio essere amante. 

Vuoi rimanere aggiornato
sulle novità, su viaggi, storie, itinerari, esplorare l’arte, l’innovazione green e la cultura enogastronomica della Costa D’Amalfi?

*campo obbligatorio

Preso atto del mio diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento, consento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare, per la finalità sotto riportata (art. 7 Regolamento 2016/679)

Sono a conoscenza del fatto che in assenza del consenso le conseguenze sono le seguenti:
Non verrà inviata alcuna comunicazione promozionale e/o pubblicitaria da parte di authenticamalficoast.it all’interessato, il quale, riceverà esclusivamente notizie e/o comunicazioni in merito al servizio ricevuto/prenotato.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Menu